Gli occhi sono le nuove labbra?

L’utilizzo della mascherina cela in tante occasioni la bocca ma allo stesso tempo punta i riflettori sullo sguardo, rendendo gli occhi i veri protagonisti del momento.

16 Dicembre 2021

Pubblicato da: Redazione Sotherga

Tempo di lettura: 3 min

Non illudiamoci, è estremamente probabile che le mascherine facciano parte della nostra normalità, almeno per i prossimi anni. Fatta questa premessa è normale che la medicina estetica si chieda se gli occhi saranno le nuove labbra.

 

 

Come ci racconta il dottor Marco Bartolucci, medico estetico e fondatore della clinica SOTHERGA, – oggi assistiamo a un forte aumento di richieste di trattamenti nella zona occhi e del contorno occhi ma soprattutto a far riflettere è il tipo di paziente – le richieste arrivano numerose anche da parte di pazienti molto giovani, che in genere non si sono mai interessati a questa area in maniera così precoce

 

 

Perché gli occhi sono in primo piano oggi

 

I trattamenti per la zona oculare, sia quelli di chirurgia che quelli minimamente invasivi di medicina estetica sono sempre stati richiesti, e questo si spiega facilmente, basti pensare che sono il punto in cui il nostro viso invecchia prima e in maniera più evidente. I pazienti che cercano una soluzione a problemi come occhiaie, borse e rughe intorno agli occhi sono da sempre molto numerosi.

 

Un altro motivo da non sottovalutare è che lavorando anche da casa, in molti casi, a differenza di quanto accadeva nel passato, il paziente ha la percezione di avere il tempo per prendersi cura di sé e dedicarsi a quei trattamenti che ha rimandato a lungo anche pensando ai giorni successivi, a quelli dedicati al recupero, quando previsti dai trattamenti.

 

 

I trattamenti che restituiscono freschezza allo sguardo

 

Sono molto richieste tutte quelle procedure minimamente invasive che restituiscono freschezza allo sguardo e donano immediatamente un aspetto più giovane e disteso a tutto il volto, come filler a base di acido ialuronico per ridurre l’occhiaia aumentando i volumi, tossina botulinica per trattare le rughe e ancora radiofrequenza per rassodare la palpebra superiore, innescando produzione di nuovo collagene e trattando le zone colpite da lassità.

 

I trattamenti iniettivi che permettono di intervenire nella zona dell’occhiaia si servono di aghi sottilissimi e mirano attraverso iniezioni di acido ialuronico cross-linkato a ripristinare la perdita di volume, eliminando la colorazione dell’occhiaia e distendendo la cute. Un’altra tipologia di iniettivi di ultima generazione sono i bio-filler arricchiti con peptidi, una soluzione che viene preferita dal professionista nei casi meno gravi e in presenza di inestetismi meno evidenti.

 

 

Un altro trattamento molto richiesto è la carbossiterapia che, tramite delle iniezioni di CO2 riattiva il microcircolo eliminando di fatto la colorazione scura tipica delle occhiaie, in modo indolore e non invasivo.

 

 

Anche per il problema delle palpebre cadenti è possibile in SOTHERGA trovare delle soluzioni mini invasive con tempi di recupero molto ridotti (parliamo di appena qualche giorno). A disposizione dei pazienti in SOTHERGA le migliori tecnologie al momento disponibili, come il laser CO2RE e la DAS, Dermo Ablation Surgery, per la blefaroplastica non chirurgica.

 

Le labbra saranno messe in secondo piano rispetto agli occhi, insomma? Forse per qualche tempo la richiesta di trattamenti labbra non subirà incrementi ma state certi che presto torneranno a prendersi tutta la loro importanza, appena ci saranno maggiori occasioni di poterle mostrare in giro!

I nostri trattamenti

A proposito di rughe e perdita di elasticità:

SOnews

Rimani nel loop, iscriviti alla newsletter per non perderti le ultime sui trattamenti SOTHERGA

Questo sito usa Google Analytics per raccogliere dati sull'utilizzo, in modo da offrire un'esperienza utente sempre migliore. Cliccando su "accetto", permetti di abilitare il tracciamento delle tue interazioni su questo sito web. Potrai revocare il consenso in qualsiasi momento. Troverai l'impostazione dedicata nel pié di pagina di questo sito. Per saperne di più, leggi la nostra privacy e cookie policy