Il Complesso di Adone

Il Complesso di Adone

La Vigoressia, ovvero quando il fitness diventa una vera ossessione.

02 Febbraio 2021

Pubblicato da: Dott.ssa Maria Cassano

Tempo di lettura: 4 min

Lo sport è un’attività essenziale per il corretto funzionamento del nostro organismo. Un po’ di movimento quotidiano ci permette di sentirci in forma e in sintonia con il nostro corpo. D’altra parte, chi si allena in modo intenso sa bene che la costanza è fondamentale per poter non solo raggiungere ma anche mantenere risultati evidenti su muscolatura, massa magra e postura: parliamo di tonificazione e miglioramento del corpo, naturalmente.

 

Come in tutte le cose però è importante tenere presente quello che il nostro corpo realmente ci chiede, e non esagerare alla ricerca di obiettivi impossibili.

 

In un mondo come quello contemporaneo, infatti, dove lo sport viene sempre più promosso e valorizzato come momento fondamentale per il benessere fisico e psichico, si assiste allallarmante dilagare di una nuova” patologia, che va a collocarsi allinterno della categoria dei disturbi alimentari di più recente acquisizione. Nel mondo scientifico questo patologia è conosciuta con il nome di vigoressia (o anche bigoressia).

 

Vediamo in cosa consiste e quali conseguenze causa.

 

La vigoressia: cosa è e cosa causa

 

La vigoressia è conosciuta dagli amanti dello sport anche come Complesso di Adone: questa patologia da non sottovalutare prende quindi il suo nome dalla celebre figura mitologica greca, Adone, vero e proprio simbolo della bellezza maschile giovanile, intesa come perfezione fisica nelle forma estetica.

 

Di vigoressia se ne parla per la prima volta in un noto articolo del 1993 da Pope, Katz e Hudson, i quali proposero per questo disturbo la definizione di anoressia inversa”, per contrapporla in maniera evidente allanoressia nervosa. Anoressia inversa: un termine che inserisce immediatamente questa tendenza contemporanea in un reale disturbo alimentare e che come vedremo è molto lontana da una concezione di bellezza esteriore che ormai non può più prescindere da un benessere interiore.

 

Perché parliamo di anoressia inversa per la vigoressia?

 

Perché anche chi è affetto da questa patologia soffre di una dispercezione corporea ma, a differenza di chi è colpito da anoressia nervosa, che si percepisce eccessivamente grasso e/o pesante, i vigoressici continuano a sentirsi flaccidi, troppo esili o minuti, pur possedendo in realtà fisici tonici, allenati e dotati di una muscolatura spesso ipertrofica. Sono alla ricerca di obiettivi di tonificazione e accrescimento muscolare sempre nuovi e si trovano quindi a vivere una perenne insoddisfazione per i risultati raggiunti anche se sotto gli occhi di tutti.

 

I soggetti più a rischio

 

In genere a essere più a rischio sono i giovani adulti di sesso maschile di età compresa tra i 25 e i 35 anni, seguiti da quelli tra i 18 e i 24; tuttavia non manca un incremento della fascia di età over 40, di cui fanno parte tutti coloro che, rincorrendo lidea illusoria di riconquistare la giovinezza perduta, investono tempo ed energie sempre crescenti in allenamenti che diventano man mano più duri e intensi e in unalimentazione sempre meno flessibile e varia.

 

Ma che cos’è specificatamente la vigoressia e in che modo la persona che ne affetta modifica il suo stile di vita?

 

È bene tenere presente che per vigoressia si intende una dipendenza patologica dallesercizio fisico e dall’attività motoria, accompagnata da una preoccupazione ossessiva per il proprio aspetto estetico e dal desiderio di modificarlo aspirando alla perfezione.

 

Una concezione molto diversa dai canoni estetici e della filosofia SOTHERGA, in cui la bellezza non nasce mai da uno stravolgimento o da continui cambiamenti irraggiungibili ma piuttosto da consapevolezza e volontà di migliorarsi, in un’ottica di bellezza ma anche di benessere.

 

La vigoressia si verifica quando si pratica sport superando i limiti normalmente posti dallo sforzo, dalla noia e dalla stanchezza. Chi ne è affetto cambia in maniera graduale e al tempo stesso sostanziale il modo di intendere lo sport, alterando significativamente aspettative e tempo ad esso dedicato. Lesercizio fisico, spesso estenuante e portato allestremo, diventa una priorità assoluta e totalizzante che invade ogni spazio della propria vita non solo il tempo libero: ciò causa naturalmente  conseguenze talvolta anche drammatiche sulla vita sociale. Sia i rapporti affettivi sia quelli lavorativi vengono trascurati, messi in secondo piano o addirittura abbandonati, così come la maggior parte del tempo libero che tende a essere dedicato quasi interamente alla pratica sportiva.

 

Come cambiano le abitudini alimentari

 

Anche le abitudini alimentari subiscono una netta trasformazione. I soggetti vigoressici prediligono una dieta piuttosto rigorosa e salutista, introducendo per lo più cibi iperproteici a scapito di grassi e carboidrati. Lalimentazione, al pari dell’esercizio fisico si trasforma in un’ossessione: diventa dunque circoscritta a pochi alimenti e piuttosto ansiogena, accompagnata da senso di colpa e molte ore di attività fisica compensatoria. Risulta frequente inoltre luso di integratori, soprattutto anabolizzanti, nel tentativo sempre più assillante di aumentare la massa muscolare e spingere le performance oltre i limiti imposti dalla natura umana. 

 

Le cause della vigoressia sono riconducibili a fattori psicologici, sociali e biologici, in particolare sembra che giochino un ruolo determinante la bassa autostima e una preoccupante insicurezza, a cui si somma la cronica insoddisfazione per la propria fisicità e per sé stessi in generale. Il tentativo di irrobustire il proprio corpo potrebbe essere la metafora dello sforzo che il soggetto compie per rafforzare limmagine interna di sé. Rilevante è anche il ruolo dei media e dei social network che costantemente propongono modelli spesso distorti e falsati di bellezza, successo, giovinezza, felicità e autorealizzazione.

 

Rispetto agli altri disturbi da addiction e alle patologie alimentari più comuni, la vigoressia è di difficile individuazione, proprio perché le persone che ne sono affette spesso sembrano prendersi cura di se stesse in maniera esemplare, suscitando prevalentemente sentimenti di invidia e desiderio di emulazione in chi li osserva.

 

Nonostante esistano dei campanelli dallarme, attualmente la vigoressia resta sicuramente un disturbo fortemente sottostimato su cui, invece, è bene accendere i riflettori.

 

Dott.ssa Maria Cassano

 

I nostri trattamenti

A proposito di grasso e peso in eccesso:

SOnews

Rimani nel loop, iscriviti alla newsletter per non perderti le ultime sui trattamenti SOTHERGA

Questo sito usa Google Analytics per raccogliere dati sull'utilizzo, in modo da offrire un'esperienza utente sempre migliore. Cliccando su "accetto", permetti di abilitare il tracciamento delle tue interazioni su questo sito web. Potrai revocare il consenso in qualsiasi momento. Troverai l'impostazione dedicata nel pié di pagina di questo sito. Per saperne di più, leggi la nostra privacy e cookie policy