Il nostro protocollo HY-FHY sul Corriere della Sera

Macchie del viso, come eliminarle? Ecco il nuovo trattamento tecnologico

Una (fastidiosa) eredità dell’estate. Marco Bartolucci, medico estetico, ha ideato «Hi-FHY» un trattamento ad hoc che mantiene l’uniformità del volto

21 Ottobre 2020

Pubblicato da: Corriere della sera

Tempo di lettura: 3 min

Fermare il tempo e correggere le imperfezioni. Si può. L’estate è appena finita ma, oltre ai ricordi e al sapore del mare, può lasciare un’iperpigmentazione della pelle. Se non ci siamo protetti in modo adeguato noteremo diverse macchie da sole: sono causate da un’esposizione prolungata e diretta ai raggi ultravioletti e appaiono sull’epidermide rendendola marrone. Possono comparire a qualsiasi età, generalmente non comportano rischi per la salute, si manifestano più frequentemente nelle persone dalla carnagione chiara, però dipende dalla «riserva» di melanina.

Sono stati messi a punto molti metodi per eliminare le macchie, sono discromie fastidiose alla vista. Le opzioni vanno dalle creme galeniche ai rimedi naturali fino ai laser. Marco Bartolucci, medico estetico all’ospedale San Raffaele e direttore sanitario della clinica Sotherga di Milano, ha ideato il trattamento medicale «Hy-Fhy». In cosa consiste? «In tre passaggi combinati, perfetti per la beauty routine autunnale o invernale — spiega Bartolucci —. Il primo step è Hydradermabrasion: prepara la pelle all’azione del laser rimuovendo lo strato superficiale di cellule morte e detergendo in profondità. La tecnologia Hydrafacial minimizza le macchie scure e apporta una riduzione evidente dell’aspetto di linee sottili e di rughe».

Si passa al Fractionated laser – Fraxel, «laser frazionato non ablativo capace di creare micro canali termici per stimolare la rigenerazione della pelle — rivela lo specialista —. Passato su viso e corpo stimola i tessuti profondi a riparare naturalmente lesioni pigmentate, come le macchie senili, solari o melasma e pure rughe periorbitali e cicatrici da acne. Questa tecnologia colpisce soltanto una frazione di pelle senza danneggiare il tessuto circostante. È indolore, non invasiva e in grado di migliorare la texture della pelle senza creare croste o segni evidenti sul viso e assicurando tempi di recupero immediati. Le cicatrici, anche se molto visibili, vengono spianate. Le rughe si distendono, le macchie di melanina anche ispessite sono attenuate o cancellare. Le pelli rovinate dal sole ringiovaniscono visibilmente.

Terzo step: Hyaluronic Acid. «I micro canali termici creati dal laser vengono utilizzati per permettere un profondo assorbimento di acido ialuronico — continua il medico estetico —. È un’efficace biorivitalizzazione senza ago che sfrutta i micro canali termici creati sulla pelle dal Fraxel per far arrivare in profondità i benefici effetti dell’acido ialuronico e far ritrovare alla pelle lo splendore perduto. Il viso appare immediatamente più tonico e compatto, come rigenerato. Infatti, apporta un effetto liftante diffuso».

Infine, c’è il mantenimento con il kit di creme Zo Obagi (la linea cosmetica usata dalle star americane). Come molti trattamenti medicali antimacchia, anche per Hy-Fhy è sconsigliata ogni esposizione al sole durante lo svolgimento».

LEGGI L’ARTICOLO SUL CORRIERE

A proposito di il mondo sotherga:

SOnews

Rimani nel loop, iscriviti alla newsletter per non perderti le ultime sui trattamenti SOTHERGA

Questo sito usa Google Analytics per raccogliere dati sull'utilizzo, in modo da offrire un'esperienza utente sempre migliore. Cliccando su "accetto", permetti di abilitare il tracciamento delle tue interazioni su questo sito web. Potrai revocare il consenso in qualsiasi momento. Troverai l'impostazione dedicata nel pié di pagina di questo sito. Per saperne di più, leggi la nostra privacy e cookie policy