Maggio è il mese del melanoma: perché questa lesione fa così paura?

Tra le diverse lesioni che possono colpire la pelle il melanoma ha senza dubbio un ruolo predominante per la sua aggressività. La prevenzione resta oggi l’arma più importante per sconfiggerlo!

03 Maggio 2021

Pubblicato da: redazione sotherga

Tempo di lettura: 2 min

Le diverse lesioni della pelle

 

Quando si parla di lesioni della pelle si intende un insieme di patologie, più o meno gravi, che possono colpire la pelle di viso e corpo. Si tratta di lesioni cutanee di diversa entità. In generale sono lesioni della pelle, ad esempio, le macule, piatte e non palpabili, categoria in cui rientrano le macchie cutanee, le papule che comprendono nevi, verruche e diverse tipologie di cheratosi, le placche, di forma tondeggiante o ancora le vescicole e le bolle, che spesso rivelano una natura allergica, traumatica o una dermatite. Le lesioni della pelle come abbiamo visto presentano una grande varietà di forma e di colorazione, di causa scatenante e anche di gravità. 

 

In presenza di qualsiasi lesione, solo una visita dermatologica può permettere la corretta identificazione e quindi la possibilità di intervenire in maniera adeguata.

 

Una lesione particolarmente rilevante: il melanoma

 

Il melanoma cutaneo è un tumore aggressivo della pelle che ha origine dai melanociti, le cellule della pelle deputate alla formazione di melanina, la sostanza che, a sua volta, serve a proteggere il nucleo dei cheratinociti, i principali componenti dell’epidermide, dai danni dei raggi solari (in particolare UVA e UVB). 

 

Può colpire tutte le fasce di età; rarissimo in pediatria, è un tumore frequente nei giovani essendo il secondo tumore più frequente negli uomini under 50 e il terzo nelle donne della stessa fascia di età, essendo le donne leggermente più colpite degli uomini. I principali fattori di rischio sono:

 

  • Esposizione ai raggi UV
  • Presenza di molti nei (più di 100)
  • Fototipo basso (pelle chiara, lentigginosa e capelli chiari)
  • Familiarità per melanoma
  • Immunodepressione

 

Perché il melanoma fa così paura? 

 

Perché il melanoma colpisce tanti giovani e spesso senza una prevenzione adeguata viene scoperto troppo tardi. Clinicamente si manifesta per lo più come un neo atipico (macchia marrone o marrone scuro) che può presentare asimmetria, bordi irregolari, discromie di colore e cambiamenti nel tempo. Le lesioni avanzate sono generalmente nodulari, mentre quelle precoci, di dimensioni minori ai 6 mm, sono a occhio nudo indistinguibili da un neo tipico: ecco perché la diagnosi precoce diventa fondamentale.

 

La prevenzione: fondamentale, veloce, indolore!

 

Per prevenire il melanoma basta una mappatura annuale dei nei. Un esame non invasivo e indolore che in solo 30 minuti è in grado di individuare lesioni sospette.

 

La sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi è elevata pari in media all’ 87%. Se individuato precocemente ed eliminato con una corretta asportazione chirurgica nella sua fase iniziale è del tutto guaribile. 

 

La prevenzione rappresenta oggi la vera arma per sconfiggere il melanoma: maggio è il mese dedicato proprio a questo. La prevenzione può salvarci la pelle!

 

SOTHERGA sostiene il mese della prevenzione del melanoma attraverso la campagna #CheckYurSkin.

I nostri trattamenti

A proposito di prevenzione:

SOnews

Rimani nel loop, iscriviti alla newsletter per non perderti le ultime sui trattamenti SOTHERGA

Questo sito usa Google Analytics per raccogliere dati sull'utilizzo, in modo da offrire un'esperienza utente sempre migliore. Cliccando su "accetto", permetti di abilitare il tracciamento delle tue interazioni su questo sito web. Potrai revocare il consenso in qualsiasi momento. Troverai l'impostazione dedicata nel pié di pagina di questo sito. Per saperne di più, leggi la nostra privacy e cookie policy