Coppia: nutrizione e fertilità. Il ruolo dell’alimentazione

nutrizione e fertilità

La dieta, intesa come stile di vita e somma di buone abitudini quotidiane è fondamentale per le coppie che coltivano il sogno di costruire una famiglia. Parliamo di casi di “fertilità normale” ma lo stesso discorso è valido anche per tutte quelle coppie che ricorrono alla procreazione medicalmente assistita (PMA).

02 Marzo 2021

Pubblicato da: Redazione Sotherga

Tempo di lettura: 2 min

L’obiettivo finale è quello di aumentare la qualità dell’ovocita e la qualità del liquido seminale in modo da determinare un successo di fecondazione, impianto e sviluppo dell’embrione e, nel lungo termine, la crescita fetale e la salute dei figli.

 

Perché una gravidanza si interrompe? 

Oggi una percentuale di gravidanze che va dal 15 al 30% si conclude con una interruzione spontanea già nel primo trimestre. Fortunatamente la maggior parte degli aborti è di origine genetica ed occasionale. 

 

Esiste però un certo numero di coppie (secondo le casistiche parliamo di una percentuale che va dall’1 al 3% delle coppie che provano ad avere figli) che non riescono a portare avanti una gravidanza. Sono soggetti che soffrono di poliabortività, ovvero di “recurrent Pregnancy loss” (RPL).

 

Nel periodo pre-e periconcezionale è importante osservare una corretta alimentazione: serve a favorire la fertilità sia nella donna sia nell’uomo con l’effetto di ridurre anche la morbilità sia materna che fetale. In sintesi: nutrizione e procreazione sono un binomio da non trascurare.

 

Malnutrizione per difetto e per eccesso

 

Mentre nella malnutrizione per difetto si ha immediatamente una ripercussione sulla fertilità attraverso la mancanza di ovulazione, la mancanza del ciclo e della maturazione del follicolo, nella malnutrizione per eccesso le problematiche della fertilità si sovrappongono con la sindrome metabolica. Diversi studi dimostrano come l’obesità o sovrappeso aumenti il rischio di aborti spontanei, riduca l’ovulazione, peggiori la qualità degli ovociti e peggiori la qualità del liquido seminale. L’origine di aborti spontanei ricorrenti può non essere solo ginecologica ma legata a una condizione di insulino-resistenza. E una causa dell’ insulino-resistenza può essere proprio l’obesità.

 

Cosa si intende per insulino-resistenza?

 

Insulino-resistenza significa che le cellule non utilizzano bene l’insulina che il corpo produce. Di conseguenza è necessario una maggiore quantità di insulina per trasformare il glucosio in energia.

Certe volte però il corpo smette di produrre insulina in più e le cellule non sono in grado di usare quella disponibile, con il risultato di far aumentare il livello di glucosio nel sangue. Se ciò avviene in maniera cronica, si parla di diabete.

 

L’insulino-resistenza può anche sconvolgere l’equilibrio degli ormoni nel corpo. In particolare, può portare l’organismo a produrre più androgeni, una delle caratteristiche di chi soffre di PCOS (sindrome dell’ovaio policistico). Infine può causare aborti spontanei. 

 

Come è chiaro dunque, l’influenza della dieta sulla fertilità è ormai ben definita dal punto di vista scientifico. Esistono studi clinici che dimostrano come una dieta controllata definita in letteratura “dieta della fertilità” sia in grado di ridurre ad un terzo il rischio di infertilità nelle donne che la seguono correttamente, rispetto a donne che si alimentino invece con grandi proporzioni di carboidrati ad elevato indice glicemico, grassi saturi e proteine animali.

 

E gli uomini? 

 

Il grasso in eccesso è associato a basse percentuali di testosterone libero nel sangue e in molti obesi di sesso maschile è stata riscontrata un’alta concentrazione di estrogeni. Caratteristiche provocate da un’iperattività dell’enzima aromatasi, presente in alte percentuali nel tessuto adiposo bianco. In un organismo maschile, il mancato controllo del livello di ormoni sessuali femminili può ridurre alcuni importanti funzioni riproduttive, come l’efficienza testicolare e la genesi degli spermatozoi (spermatogenesi).

 

Dott.ssa Maria Cassano

I nostri trattamenti

A proposito di prevenzione:

SOnews

Rimani nel loop, iscriviti alla newsletter per non perderti le ultime sui trattamenti SOTHERGA

Questo sito usa Google Analytics per raccogliere dati sull'utilizzo, in modo da offrire un'esperienza utente sempre migliore. Cliccando su "accetto", permetti di abilitare il tracciamento delle tue interazioni su questo sito web. Potrai revocare il consenso in qualsiasi momento. Troverai l'impostazione dedicata nel pié di pagina di questo sito. Per saperne di più, leggi la nostra privacy e cookie policy