Red Light & Blue Light Therapy

A cosa servono e come agiscono le innovative terapie che sfruttano il potere della luce.

20 Ottobre 2021

Pubblicato da: Redazione Sotherga

Tempo di lettura: 3 min

A cosa servono e come agiscono le innovative terapie che sfruttano il potere della luce.

 

 

Blue Light Therapy: in cosa consiste?

 

La Blue Light Therapy viene impiegata per il trattamento delle malattie precancerose della pelle come le cheratosi attiniche, come terapia contro l’acne e anche in alcuni casi per contrastare la depressione.

 

Il numero di sedute necessarie varia in base al problema da trattare, per le cheratosi attiniche occorrono da 1 a 4 sedute, per l’acne da 4 a 6. In tutti i casi va previsto sempre un numero di sedute di mantenimento, a una maggiore distanza temporale.

 

 

La terapia fotodinamica si rivela efficace nel trattamento delle macchie solari precancerose grazie all’utilizzo combinato di farmaci fotosensibili. La pelle, dopo il trattamento sarà sensibile alla luce per diverse settimane.

 

Dopo una seduta di Blue Light Therapy la zona trattata presenta cute arrossata e dolente, talvolta con presenza di vesciche. I tempi di guarigione sono di circa 7 giorni.

 

 

Questo trattamento rappresenta comunque un approccio molto meno invasivo della chirurgia, è indolore, generalmente non prevede cicatrici,gli effetti collaterali sono lievi e immediati e in una settimana si può tornare alle proprie attività.

 

 

Aree di utilizzo:

 

Cheratosi attiniche

 

Acne

 

Depressione

 

 

Red Light Therapy: in cosa consiste?

 

 

La Red Light Therapy  è una tecnica terapeutica per certi versi controversa che utilizza lunghezze d’onda di luce rossa per il trattamento di alcuni inestetismi della pelle come rughe, cicatrici, ferite.

 

Le origini di questa terapia sono decisamente particolari: negli anni ‘90 gli scienziati avevano utilizzato la luce rosse per far crescere le piante nello spazio.

 

 

Solo in seguito la Red Light Therapy è stata studiata per la sua potenziale applicazione in medicina, per comprendere il modo in cui riesce ad agire sulle cellule umane.

 

 

Quando la Red Light Therapy viene utilizzata con farmaci fotosensibilizzanti, prende il nome di terapia fotodinamica: la luce rossa in questo caso ha la sola funzione di attivare il farmaco.

 

 

La luce emessa dalla Red Light Therapy penetra circa 5 millimetri sotto la superficie della pelle e rigenera le cellule in maniera profonda, senza creare danni in superficie.

 

I campi di applicazione della  Red Light Therapy sono molto ampi, viene utilizzata per trattare la psoriasi, le ferite a lenta guarigione, contribuisce a trattare l’alopecia e alcuni problemi ossei, dall’infiammazione del tunnel carpale a casi di artrite reumatoide.

 

 

Aree di utilizzo:

 

Psoriasi

 

Ferite a lenta guarigione

 

Alopecia

 

Artrite reumatoide

 

I nostri trattamenti

A proposito di cicatrici e lesioni della pelle:

SOnews

Rimani nel loop, iscriviti alla newsletter per non perderti le ultime sui trattamenti SOTHERGA

Questo sito usa Google Analytics per raccogliere dati sull'utilizzo, in modo da offrire un'esperienza utente sempre migliore. Cliccando su "accetto", permetti di abilitare il tracciamento delle tue interazioni su questo sito web. Potrai revocare il consenso in qualsiasi momento. Troverai l'impostazione dedicata nel pié di pagina di questo sito. Per saperne di più, leggi la nostra privacy e cookie policy